Affittasi casa vacanze in Sicilia

Casetta indipendente, posta in piccolo agrumeto, provincia di Catania. Tre locali a pochi passi dalla spiaggia di Riposto. Dotata di terrazzo abitabile con vista sull′ Etna, è vicina al centro del paese. Parcheggio interno privato. Completamente rinnovata nel 2008.

Offerte e disponibilità

disponibiltà dal 6 settembre al 15 settembre a prezzi interessanti!
Pulsante disponibilit√† DISPONIBILITA′
Pulsante prenota ora PRENOTA ORA

I vulcani della Sicilia

La Sicilia, al pari delle isole circostanti, è caratterizzata da una notevole presenza di vulcani, sia attivi, sia in fase di riposo, che estinti. In più il basso mar Tirreno ed il Canale di Sicilia sono punteggiati da vulcani sottomarini. Ciò è dovuto alla particolare posizione di questa area, a cavallo fra due placche tettoniche. I vulcani siciliani più importanti sono: l′Etna, Stromboli e Vulcano. Degno di nota è anche il vulcano sottomarino attivo Empedocle, situato fra Sciacca e l′isola di Pantelleria, la cui attività eruttiva nel 1831 formò l′isola Ferdinandea, poi sommersa da mare. Nel 2009 un nuovo vulcano sottomarino è stato scoperto da un gruppo di ricercatori dell′Università di Catania. È posto a circa 80 metri di profondità, nel tratto di mare proprio fra il paese di Riposto ed il comune di Acicastello.

Il vulcano Etna

Il monte Etna

La sua formazione risale a circa 100000 anni fa ed oggi, con i suoi 3350m di altezza e un diametro alla base di 35km, è il vulcano più grande d′Europa ed anche uno tra i più attivi del mondo. Le eruzioni avvengono sia sulla sommità, sia dai fianchi, fino ad altezze di poche centinaia di metri sul livello del mare. In cima ci sono quattro bocche eruttive, ognuna del diametro di circa 200m, denominate Bocca Nuova, Voragine, Cratere di nord−est e Cratere di sud−est. In aggiunta sulle pendici si trovano centinaia di piccoli coni, generati nel corso dei millenni. Nelle ultime centinaia di anni si sono susseguite eruzioni alimentate sia dalle bocche in cima che da quelle laterali. Queste eruzioni, della durata di alcuni giorni o di anni, hanno anche danneggiato le aree limitrofe, come nel 1928 quando Mascali venne completamente distrutta.